don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 12 Novembre 2019

284

Il servizio d’amore non contempla la lamentela, i rinfacci, una contabilità, ma una donazione totale e gratuita che trova nel dono stesso la più grande ricompensa.

Stammi accanto

Insegnami l’inutilità del servire.
È così bello essere gratis.
Amare.
Donare quello che sarebbe solo dovuto.
Mettere amore in quello che è dovuto.
Così.
Solo per amare.
Amare per amare.
Non c’è servitù più bella.
Di fare quello che si deve, amando.
Di amare quello che si fa.
Sono tua serva.
Lavoro le tue cose.
Curo le tue bestie.
Preparo la tua tavola.
Ti servo quanto desideri.
Quanto vuoi.
Poi toccherà a me.
Alla mia fame.
Al mio riposo.
C’è amore nella tua casa.
C’è giustizia nella tua casa.
Ho il mio posto nel tuo cuore.
Ho il mio posto nella tua casa.
E’ bello questo amore.
Che ti rispetta.
Che mi rispetta.
È così dolce l’amore rispettoso.
L’amore giusto è così amore.

Servire fuori casa.
Servire dentro casa.
Servire per vivere.
Perché sono serva.
Serva di un padrone ricco di campi.
Che coltivo e lavoro.
Serva di un padrone ricco di greggi.
Che pascolo, che curo.
Serva di un padrone che mi attende a casa.
Per mangiare.
Per accudirlo.
Per aspettare che finisca la sua giornata.
E io la mia.
Insieme.
Nella stessa casa.
A fare cose diverse.
In tempi diversi.
Ma uniti.
Insieme.

C’è un dovere che è il mio.
E che compio senza aspettarmi altro che te.
C’è un dovere che è il mio.
Che compio tra le cose tue.
Con le cose tue.
E’ il mio dovere.
Sono i tuoi campi, le tue greggi.
Ci penso io alle tue cose.
C’è un dovere che è il mio.
E che mi aspetta a casa.
Il tempo di tirarmi su le vesti e preparare tutto.
E lo compio.
E’ la tua fame.
E’ la tua stanchezza.
Sei tu.
Il mio dovere più inutile.
Perché è amore.
Il mio dovere più bello.
Perché sei tu.
Questo ì il mio cibo vero.
Che amo.
Fare il mio dovere nella tua casa.
Per te.
Poi mi fermo.
E tocca a me.
Nella tua casa.
Accanto a te.

Dopo la morte.
Nella vita eterna.
Da figli della resurrezione.
L’amore sarà tutto.
Sarà in tutti.
Sarà per tutti.
Non ci saranno mio o tuo.
Non ci saranno marito o moglie.
Non vivremo per qualcuno.
Ma per Dio.
Cioè per tutto. Per tutti.
Non possederemo una moglie o un marito.
Possederemo la vita.
Mai più morte sui nostri amori.
Solo vita.

Fonte: il sito di don Mauro Leonardi

Mauro Leonardi (Como, 4 aprile 1959) è un presbitero, scrittore e opinionista italiano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.