don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 10 Settembre 2019

5

La vocazione non è semplicemente una scelta che mi riguarda ma il frutto della preghiera di Gesù che chiede la libera adesione del nostro cuore al progetto del Padre.

Passò tutta la notte pregando e scelse dodici ai quali diede anche il nome di apostoli.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 6, 12-19


In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore.
Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.

Parola del Signore

Portami a Dio

Solo tu sai chi sono.
Come mi chiamo.
Qual è il nome della mia vita.
Hai parlato a Dio di me.
Parli a me di Dio.
Attraverso te, Dio sa il mio nome.
Portami nella tua notte.
Portami nelle tue parole.
Portami a Dio.

Quanti nomi.
Quante vite.
Fratelli.
Amici.
Con i loro nomi.
I loro nomignoli.
Le loro storie.
Uno tradirà.
Ma per ora è qui tra noi .
È qui con il suo nome, con la sua vita.
È nella tua notte con Dio.
È ora qui tra quelli che chiami.
Poi andrà nella sua notte senza Dio.
Ma per ora è qui.
Stiamo uniti.
Uniti a te.
Ti amo.
Dammi un nome.
Dì il mio nome.
Ti amo.

Anche io vorrei un’intera notte con te.
Per stare con te.
Con le tue parole.
Nei tuoi pensieri.
Tra le tue braccia.
Aspetto il giorno.
Aspetto che torni.
Aspetto di sentire il mio nome detto da te.
Aspetto che mi chiami.

Vieni nelle mie notti.
Senza te sono buie.
Vieni nei miei giorni.
Senza te non so chi sono.
Chiamami.
Sceglimi.
Tienimi tra i tuoi.
Vieni.
Vieni.
Vieni.
Grazie amore.

Solo tu sai chi sono.
Come mi chiamo.
Qual è il nome della mia vita.
Hai parlato a Dio di me.
Parli a me di Dio.
Attraverso te, Dio sa il mio nome.
Portami nella tua notte.
Portami nelle tue parole.
Portami a Dio.

Quanti nomi.
Quante vite.
Fratelli.
Amici.
Con i loro nomi.
I loro nomignoli.
Le loro storie.
Uno tradirà.
Ma per ora è qui tra noi .
È qui con il suo nome, con la sua vita.
È nella tua notte con Dio.
È ora qui tra quelli che chiami.
Poi andrà nella sua notte senza Dio.
Ma per ora è qui.
Stiamo uniti.
Uniti a te.
Ti amo.
Dammi un nome.
Dì il mio nome.
Ti amo.

Anche io vorrei un’intera notte con te.
Per stare con te.
Con le tue parole.
Nei tuoi pensieri.
Tra le tue braccia.
Aspetto il giorno.
Aspetto che torni.
Aspetto di sentire il mio nome detto da te.
Aspetto che mi chiami.

Vieni nelle mie notti.
Senza te sono buie.
Vieni nei miei giorni.
Senza te non so chi sono.
Chiamami.
Sceglimi.
Tienimi tra i tuoi.
Vieni.
Vieni.
Vieni.
Grazie amore.

Articolo precedenteDon Luigi Maria Epicoco – Educare, l’arte che ci rende responsabili
Articolo successivodon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del giorno, 10 Settembre 2019