don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del 26 Dicembre 2018

69

La strada per seguire Gesù, è strada di martirio, cioè di testimonianza. Testimonianza che consiste nel dare la vita per amore.

Chi vive così, non ha bisogno di preoccuparsi delle parole, perché lo Spirito suggerirà ogni cosa e donerà la perseveranza di resistere al dolore, alle sofferenze della vita con la forza della fede, la gratitudine di chi sa di aver ricevuto Tutto dal Padre.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

Poesia

Soffia dentro di me la vita

L’amore non ha tempo.
Non ha scadenza.
È sempre “fino alla fine”.
È tempo senza fine.
È tempo che contiene tutto.
Perché l’amore è vita e arriva fino alla fine della vita.
E dopo?
Dopo, tu.

Guardarsi dagli uomini?
Lo so.
Sono pericolosi.
Lo so perché lo sono anche io: umana e pericolosa.
La mia lingua taglia.
Le mie parole feriscono.
Posso uccidere mia sorella.
Posso odiare per amore tuo, nel tuo nome.
Che pazzia!
Aiutami.
Aiutami a far tacere bocca e cuore.
Aiutami ad uccidere il male e non mio fratello.
Aiutami a consegnare a te la mia vita, e non mia sorella ad un tribunale.
Liberami dal male.
Riempimi di te.
Soffia dentro di me la vita.
Piena di Spirito Santo.
Ti prego.

 

[/box]

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 10, 17-22
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:
«Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani.
Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.
Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[/box]

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 26 Dicembre 2018
Articolo successivoIl Vangelo del giorno, 26 Dicembre 2018 – Mt 10, 17-22