don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del 2 Novembre 2018

93

Se tutto ciò che il Padre dà a Cristo è in Cristo stesso e cioè nell’eternità: per cui l’umanità che è stato il manto che Dio ha dato al Figlio attraverso lo Spirito Santo, viene assurta alla dignità divina e ne acquisisce l’eternità. Non esiste più la morte ma una continua trasmissione di vita nell’amore.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

Poesia

Un rifugio

Prenderò tutti.
Non caccerò nessuno.
La volontà di Dio è la mia.

Darò la vita a tutti.
Non perderò nessuno.
La volontà di Dio è la mia.

Mi lascerò guardare.
Mi lascerò prendere.
Darò quello che ho: la vita e l’amore.
La volontà di Dio è la mia.

Tu sei così.
Un dono.
Un tesoro.
Una casa.
Un rifugio.
Fonte di vita.

[/box]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 14, 1.7-11
Dal Vangelo secondo Luca

Un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.
Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cédigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net