don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del 2 Marzo 2019

237

L’infanzia della fede, non significa essere creduloni o ingenui: è l’atteggiamento umile del figlio che riconosce di ricevere tutto dal Padre e che, per questo, vuole farsi, a propria volta, dono per il prossimo, per i fratelli, accogliendo tutti e realizzando, per quanto è possibile in questo mondo, il Regno nella vita quotidiana, nel presente delle nostre normali occupazioni.

Come un bambino

Come può un bambino infastidire l’amore fatto persona?
L’amore è rumoroso come un bambino.
È gioioso come un bambino.
È faticoso come un bambino.

Come puoi allontanare un bambino dall’amore fatto persona?
L’amore è appiccicoso.
Come un bambino.
L’amore non sta mai fermo.
Come un bambino.

Il regno di Dio è alto quanto un bambino.
Abbassati se vuoi entrare.
Il regno di Dio è piccolo quanto un bambino.
Abbraccialo se vuoi prenderlo.
Il regno di Dio è delicato quanto un bambino.
Accarezzalo se vuoi toccarlo.
Il regno di Dio è bello quanto un bambino.
Lascialo avvicinare e contemplalo se vuoi vederlo.
Il regno di Dio fa innamorare quanto un bambino.
Abbraccialo e digli parole di amore se vuoi possederlo.

Vangelo del giorno:

Mc 10, 13-16
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, presentavano a Gesù dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono.
Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso».
E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, ponendo le mani su di loro.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.