don Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del 11 Gennaio 2019

78

Siamo coperti di lebbra, delle nostre debolezze e corazze, del peccato originale, ma l’amore di Cristo ci spoglia, ci espone, e noi, nuove creature, possiamo tornare a ringraziarlo vivendo la nostra vita in un rapporto autentico con Lui che attira gli altri perché l’amore è diffusivo.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

Poesia

Solo da vicini

“Se vuoi .”
“Lo voglio”.
Che belle queste due volontà che si incontrano mentre i corpi si toccano.
Il lebbroso ai piedi di Gesù.
Gesù con le mani sulla schiena, sulla testa, del lebbroso.
La mia volontà passa attraverso il mio corpo che tocca Gesù.
Non si può volere solo con il pensiero, ci vogliono le mani.
E Gesù ci salva toccandoci.
E ci si tocca solo da vicini.
Solo da vicini.

[/box]

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 5, 12-16
Dal Vangelo secondo Luca

Un giorno, mentre Gesù si trovava in una città, ecco, un uomo coperto di lebbra lo vide e gli si gettò dinanzi, pregandolo: «Signore, se vuoi, puoi purificarmi».
Gesù tese la mano e lo toccò dicendo: «Lo voglio, sii purificato!». E immediatamente la lebbra scomparve da lui. Gli ordinò di non dirlo a nessuno: «Va’ invece a mostrarti al sacerdote e fa’ l’offerta per la tua purificazione, come Mosè ha prescritto, a testimonianza per loro».
Di lui si parlava sempre di più, e folle numerose venivano per ascoltarlo e farsi guarire dalle loro malattie. Ma egli si ritirava in luoghi deserti a pregare.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[/box]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.