don Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2021

125

Gesù si arrabbia perché alcuni volevano fregarlo!

Gesù, chiedendo di sgombrare la casa del Padre suo da animali e cambia valute, sta infatti chiedendo anche a ciascuno di noi di vivere l’essenzialità del rapporto con Dio che non può essere fatta di privilegi o di pretese. Se hai fatto qualcosa per la Chiesa, ringrazia Dio di averlo potuto servire. Ma non pretendere qualcosa in cambio.

Altrimenti significa che non ti interessa Dio, bensì la tua moneta è l’orgoglio o la fama. Ed è qui che i Giudei chiedono di nuovo un segno. È un mainstream, un ritornello frequente: quando Gesù mette in evidenza che loro sono nel torto, invece che farsi un’esame di coscienza cercano di zittirlo dicendo: “dacci le prove”. Non vi sembra di averla già sentita questa frase? Io sì, un mucchio di volte.

Sia detta da parte mia che ascoltata. Ma in pochi invece che dire “dammi le prove” dicono: “forse ha ragione?”. Eppure la seconda domanda è la più vera e la più adeguata alla nostra vita. Cosa ci servono le prove? Se anche avessimo ragione, cosa ci interessa? Noi abbiamo bisogno di cambiare e di convertirci, non di essere nel giusto o nel torto!


Link al video

AUTORE: don Marco ScandelliSITO WEB CANALE YOUTUBE

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 7 Marzo 2021 – Don Francesco Cristofaro