don Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 31 Dicembre 2020

74

Si deve sempre ringraziare, perché Dio non ci lascia mai soli

Oggi è il giorno del “Te Deum laudamus”. Il motivo per cui io credo ciascuno di noi non possa mancare di recitare il te deum ci è annunciato dal Vangelo: il verbo di Dio si è fatto carne e non smette di vivere con noi. Può sembrare una banalità. Pura retorica.

Ma se ci pensate bene, tra tutto, che Dio non ci abbia abbandonato al nostro destino ma che invece lo si possa incontrare nella eucaristia, nel povero, nel consiglio di un amico, nella preghiera, è ciò che tutti andiamo a ricercare quando ormai la speranza è ridotta a un lumicino.

Qualsiasi cosa brutta ti sia accaduta quest’anno, ricorda che la sua decisione di rimanere con noi nasce proprio da questa certezza: il male può anche sovrabbondare e vincere qualche battaglia. Ma Dio ha già vinto la vittoria finale. Di cosa dobbiamo avere ancora paura?


Link al video

AUTORE: don Marco ScandelliSITO WEB CANALE YOUTUBE

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 31 Dicembre 2020 – Gv 1, 1-18
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 31 Dicembre 2020