don Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 30 Marzo 2021

212

Giorno del tradimentdo: che non significa “peccare”

Come avete sentito, il sentimento prevalente nel cuore di Gesù è quello del turbamento. Egli era profondamente turbato. Ciò che lo fa sta male è la coscienza del tradimento. Nel Vangelo egli dice: “uno di voi mi tradirà”, ma la storia ci narra che in 11 l’hanno rinnegato. Solo il giovane Giovanni è rimasto accanto a Lui e alla madre sino alla fine. Ma allora perché Gesù dice che “uno di voi mi tradirà”?

Perché evidentemente il tradimento di cui sta parlando Gesù non è il peccato o il rinnegamento, come noi potremmo pensare. Tutti peccano, tutti siamo peccatori, ma peccare non significa tradire. Per tradire si deve fare qualcosa che è molto più che peccare. Anzi. Il tradimento prima ancora che una azione è uno stato dell’anima.

Ecco perché Gesù è turbato: non perché sapeva che tutti avrebbero peccato contro di lui – il peccato non è qualcosa che possa turbare il cuore di Dio – ma perché sapeva che in Giuda vi era ben più del peccato. Gesù parla al futuro e infatti è soltanto dopo l’aver ricevuto il boccone di pane che “Satana” entra in Giuda.


Link al video

AUTORE: don Marco ScandelliSITO WEB CANALE YOUTUBE

Articolo precedenteOlivero Derio – Riprendiamoci la tavola. Dal cibo alla vita
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 30 Marzo 2021 – Gv 13, 21-33.36-38