don Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 22 Novembre 2020

53

Cristo Re: esser abbracciati senza paura d’incrociar lo sguardo

A destra prenderà in braccio tutti coloro che almeno una volta nella loro vita hanno compiuto un gesto di carità pura e totale, disinteressata. Vi è mai capitato di dare un bicchiere d’acqua ad una persona che ne aveva bisogno sapendo che quel gesto non vi avrebbe portato alcun vantaggio?

Vi siete mai fatti vicini ad una persona in difficoltà con il solo desiderio di aiutarla, magari vedendola spaesata ad un incrocio per non sapere quale direzione prendere? Se vi è capitato qualcosa del genere, sicuramente ve lo ricordate perché vi ha dato una gioia immensa nel cuore, Dio vi prendere in braccio e vi metterà alla sua destra.

Ma attenzione, anche gli altri, anche chi non ha mai fatto un gesto di vera carità, di amore puro, verranno presi in braccio da Dio e posti alla sua sinistra. Dio non li abbandona, li accoglie nel suo abbraccio, continua ad amarli… ma sapete qual è la differenza tra i primi e i secondi?

Me l’ha fatta comprendere una volta in un dialogo il mio Vescovo, Mons. Andrea Turazzi: la differenza è che i secondi, pur trovandosi tra le braccia di Dio, non riescono a sostenere il suo sguardo, a guardarlo negli occhi. E questo è l’inferno!


Link al video

AUTORE: don Marco ScandelliSITO WEB CANALE YOUTUBE