don Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 2 Dicembre 2020

39

L’unico pane necessario è il sentirci amati e stimati

Ciò che è necessario far crescere nei rapporti tra di noi è proprio questo: un amore e una stima reciproca. La chiesa deve imparare ad amare di più ogni persona che incontra sul proprio cammino, non giudicandola per gli errori o condannandola per i peccati. Dio si comporta come Gesù ha fatto con ciascuno di noi anche oggi.

Ci aspetta, ci dona tempo, ci lascia liberi, sapendo che abbiamo un legame, come una corda che ci lega a lui e che è infrangibile. Per quanto noi possiamo allontanarci, saremo sempre suoi figli e saremo per sempre da lui amati e stimati.

Per questo il vero grande miracolo che ci compie ogni giorno non è tanto quello di riacquistare la vita o di tornare a sentirci bene, bensì quello di essere amati da un Dio che non avrebbe certo bisogno di noi.

Eppure “perde tempo”, per citare il Piccolo principe, dando valore ad ogni donna e ad ogni uomo che vive in questo mondo.


Link al video

AUTORE: don Marco ScandelliSITO WEB CANALE YOUTUBE

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 2 Dicembre 2020
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 2 Dicembre 2020