don Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 19 Aprile 2021

63

Stiamo continuando a leggere il Vangelo della moltiplicazione dei pani e dei pesci e gli accadimenti che ne sono seguiti. Zoommiamo subito su un passaggio tralasciando il resto e concentriamoci su questa frase detta da Gesù ai suoi inseguitori: “Voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati”.

Qui, in questa frase apparentemente sfuggevole, è spiegata in poche parole la dinamica del cuore umano che cerca il Signore. Anche noi oggi – dopo 2000 anni dal fatto che un uomo ha detto di essere Dio – siamo alla ricerca di segni che ci permettano di avere certezza che Gesù ci abbia detto la verità. Ma ciò che ci convince non sono i segni, anche perché essi – sebbene siano tanti – sono però ambivalenti e non inchiodano nessuno.

Per sapere che Gesù non era un impostore non hai bisogno di miracoli o di stregonerie. I segni sono importanti, ma Gesù dice: “voi mi cercate perché vi siete saziati”. Si è certi del Mistero di Dio che si fa carne nel nostro quotidiano perché attraverso dei segni che necessariamente non sono esaustivi (quelli uomini saranno tornati a casa avendo di nuovo fame!) si sperimenta una pienezza che ci fa dire: “sei tu, o Cristo”.


Link al video

AUTORE: don Marco ScandelliSITO WEB CANALE YOUTUBE

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 19 Aprile 2021 – Don Francesco Cristofaro
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 19 Aprile 2021