don Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 17 Marzo 2021

176

Essere simili a Dio vivendo come fa lui!

Questa volontà dobbiamo ricercare anche noi, perché se è vero che Gesù ha manifestato Dio Padre attraverso l’adesione ad essa, è anche vero che pure noi possiamo essere come Dio se viviamo in questa obbedienza. Bellissimo. Io e te possiamo diventare come Dio se facciamo le cose che Dio fa, se parliamo come lui, se guadiamo come fa lui. Ma come è possibile questo?

“Il Padre ama”, “il Padre risuscita i morti”, “il Padre da la vita”, “il Padre non giudica nessuno”, leggiamo nel Vangelo. E sono tutti verbi che anche noi possiamo vivere. Amare tutti e non giudicare nessuno è abbastanza facile capirlo, sebbene non sempre lo sappiamo applicare. Ma cosa vuol dire “risuscitare i morti” e “dare la vita” per noi? Dare la vita è sinonimo di dare dignità, di infondere speranza, di essere d’esempio, di non schiacciare nessuno con la nostra autorità o con le nostre ragioni, bensì esaltarlo.

Mentre risuscitare i morti potrebbe voler dire aiutare il fratello perduto a ritrovare la strada della vita vera. Proviamo in questa giornata ad incarnare la vita di Dio nel nostro piccolo. Assaporando quanto è bella la vita divina. Raccontami se ti va di una tua esperienza personale e ci vediamo domani per un altro commento al Vangelo!


Link al video

AUTORE: don Marco ScandelliSITO WEB CANALE YOUTUBE

Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 17 Marzo 2021
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 17 Marzo 2021