don Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 14 Marzo 2021

171

Un biglietto di sola andata per il Paradiso. Grazie!

Che fosse proprio il simbolo della morte (il serpente) a stare sopra, rende di fatto ancora più vere le parole di Paolo quando dice: Gesù che non aveva peccato, Dio lo trattò da peccato. Gesù infatti, pur non avendo mai sbagliato una virgola o omesso uno iota nella sua vita, fu trattato dal Padre come il peccato stesso. Per questo viene innalzato: egli porta dentro di sé il peccato cosicché a morire non fu soltanto Gesù, ma il peccato stesso con lui. Tutto il peccato del mondo è morto su quella Croce! Vi rendente conto?

Ma anche il mio peccato? Certo! Ma anche il peccato che compirò domani: ma su dai! Certo che sì! Piantala di essere moralista. Anche perché Dio ha mandato suo Figlio nel mondo non per dire all’uomo: siete tutti dei pezzenti e andrete tutti all’inferno, ma è venuto per salvarci. Ragazzi, davvero. Se Gesù è venuto per salvarci e qualcuno non si salva… significa che Gesù… ehm… non voglio dire una bestemmia… ma forse Gesù avrebbe sbagliato qualcosa?


Link al video

AUTORE: don Marco ScandelliSITO WEB CANALE YOUTUBE

Articolo precedentedon Luigi Maistrello – Commento al Vangelo del 14 Marzo 2021
Articolo successivoLinguaggio dei segni (LIS) – Commento al Vangelo del 14 MARZO 2021