don Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 1 Dicembre 2020

42

Fede come “dogma” o, non piuttosto, fede come “fiducia”?

Il Vangelo ci parla dello stupore di Gesù nel rendersi conto del fatto che soltanto i più piccoli sono in grado di riconoscere la sua presenza. Cioè. Non è un fatto di intelligenza o di bravura.

Dio non lo vedono i professoroni né i sapientoni. Per poter riconoscere la presenza di Dio nella nostra vita abbiamo bisogno di una logica diversa da quella matematica. Dio non è una equazione da dimostrare o un problema da risolvere.

Dio è una persona che si può e si deve incontrare. E in Dio bisogna avere fiducia. La fede che tante volte noi facciamo coincidere con i dogmi, in realtà è quell’atteggiamento che noi viviamo quotidianamente nei confronti di chi amiamo, di chi conosciamo, ma che non ci fa mettere in discussione ogni cosa, fidandoci, appunto.


Link al video

AUTORE: don Marco ScandelliSITO WEB CANALE YOUTUBE

Articolo precedenteGiuliva Di Berardino – Commento al Vangelo di martedì 1 Dicembre 2020
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 1 Dicembre 2020