don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo di oggi, 4 Ottobre 2019

2795

Quando Dante immagina il paradiso e lo descrive, dice che c’è una certa gerarchia che è costruita sulla vicinanza o lontananza da Dio. È un po’ come dire che qualcuno sembra stare più vicino e altri più distanti.

Ovviamente Dante non tira fuori questa teoria dal nulla, ma rende visibile una teologia ben collaudata. Io ho una certa ritrosìa a spingere il pensiero teologico fino a questa minuziosa descrizione della geografia celeste, ma rimane vero un fatto: c’è qualcuno che è davvero più vicino a lui. E ciò lo si vede dal fatto che più si è vicini a Dio più si assomiglia a lui. Ecco perché san Francesco è chiamato “l’altro Cristo”, perché in tutta la storia della Chiesa egli rimane tra le figure più affascinanti e straordinarie che abbiamo mai avuto.

È talmente vicino a Cristo da averne preso persino la forma, e le stimmate ne sono come la parte più visibile. San Francesco è così bello nella sua esperienza che certe volte si fa fatica a credere che sia vero. Eppure basta vedere come negli ultimi ottocento anni ha influenzato la storia della Chiesa per accorgersi di come la sua vita non è un’invenzione ma un fatto che continua ad agire.

Schiere di uomini e donne incontrando la sua storia decidono di seguire Cristo povero e obbediente alla sua maniera. Si racconta che quando in un villaggio arrivava la voce che Francesco stesse per arrivare, le mamme chiudevano i figli nelle case perché bastava vedere Francesco per avere un’irresistibile voglia di andargli dietro. Eppure non era particolarmente bello o particolarmente eloquente.

È la forza della sua vicinanza con Cristo. Ecco perché la pagina del Vangelo di oggi sembra scritta per elogiare soprattutto lui: <<Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te. (…) Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime>>.

Commento a cura di don Luigi Maria Epicoco.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli.

Dal Vangelo secondo Marco
Mt 11, 25-30

In quel tempo Gesù disse:
«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.

Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.