don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo di oggi, 24 Ottobre 2019

2200

“Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso! Non trovo definizione migliore di Gesù se non quella che lui stesso pronuncia nel Vangelo di oggi. Egli è colui che è venuto a portare il fuoco. Basta questa immagine a comprendere come una vita senza fuoco non è vita. Il fuoco rappresenta ciò che riscalda, motiva, spinge, dà forza. Il fuoco è la vita viva al fondo di ogni vita. Senza questo fuoco accesso al fondo di ognuna delle nostre vite, è difficile anche mettere un piede fuori dal letto la mattina.

Vivere la fede non è aderire a un semplice statuto teologico e morale. Vivere la fede è lasciare che Gesù accenda sempre più il fuoco della vita stessa, la brace che sottende ogni nostra cosa, ogni nostra scelta, ogni nostro tempo.

“Pensate che io sia venuto a portare la pace sulla terra? No, vi dico, ma la divisione. D’ora innanzi in una casa di cinque persone si divideranno tre contro due e due contro tre; padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera”.

Quella che può sembrare un’assurda affermazione di Gesù, ha invece un valore profondissimo. La divisione che Egli è venuto ad inaugurare è quella di chi diventa pienamente sé stesso fino a differenziarsi dall’altro. Un figlio diventa davvero figlio solo quando si differenzia dal padre, e così una madre e una figlia e persino una nuora e una suocera, perché in fondo l’eterno conflitto che delle volte si trova tra nuora e suocera nasce dal fatto che ognuna vuole mantenere il primo posto rispettivamente nella vita del marito o del figlio, dimenticando che entrambe sono prime ma in posti diversi e in modi diversi.

Gesù fomenta il conflitto della differenziazione, e non quello della contraddizione. E se il Vangelo ovviamente si riferisce soprattutto all’esperienza della fede, esso però nasce dalla definizione di fuoco che abbiamo fatto alPinizio: nessuno può vivere del fuoco altrui, ognuno deve trovare il proprio.

Commento a cura di don Luigi Maria Epicoco

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Non sono venuto a portare pace sulla terra, ma divisione.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 12, 49-53

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!

Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

Parola del Signore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.