don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo di oggi, 18 Maggio 2019 – Gv 14, 7-14

223

“Credetemi: io sono nel Padre e il Padre è in me; se non altro, credetelo per le opere stesse”. La relazione che Gesù ha con il Padre è una relazione di profonda intimità. Ma non è un amore fusionale, cioè Gesù non si confonde mai nel Padre, e il Padre non si confonde nel Figlio. Il loro amore li fa vivere l’uno nell’altro, ma sempre in totale distinzione.

È il capolavoro di un amore che funziona. Infatti l’ amore vero crea intimità e ci lascia profondamente noi stessi. Invece molto spesso pensiamo che l’intimità nasca dal diventare uguali a chi si ama. Ed è proprio in un amore così che nascono molti problemi. Ma lo stesso amore che Gesù ha con il Padre, lo ha con noi. Se Gesù è nel Padre, noi siamo nel Figlio. E questo fa dire a Gesù parole vertiginose: “In verità, in verità vi dico: anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre.  Qualunque cosa chiederete nel nome mio, la farò, perché il  Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa  nel mio nome, io la farò”.

L’effetto più immediato del nostro vivere in Gesù consiste nell’essere ascoltati profondamente.  Più siamo in questo amore più la nostra preghiera è efficace, e molto spesso se non Io è, ciò dipende dalla mancanza di fede che noi abbiamo in questo amore. Lo aveva capito bene san Pio da Pietrelcina quando diceva che fin da bambino aveva capito che se avesse supplicato Dio con tutto il cuore, sarebbe stato certamente esaudito.

È la certezza di chi sa che l’amore non dà mai fregature. E che la fiducia in questo amore è più grande anche di ciò che si vede. Allora ciò significa che se non siamo esauditi dobbiamo colpevolizzarci? No, ciò significa che anche quando non siamo esauditi non dobbiamo mai dimenticarci che noi siamo nel suo amore e che possiamo vivere anche la cosa più difficile sapendo di essere nel Suo amore.

È fidarsi di questo amore contro tutto e contro tutti. Chi vive così sa che in fondo può accadere solo ciò che è meglio, anche se non sempre lo capiamo subito.

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi trovare tutti i commenti al Vangelo di don Luigi Epicoco oppure leggere altri commenti al Vangelo del giorno.[/box]

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.[/box]

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

Chi ha visto me, ha visto il Padre.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 14, 7-14

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: Mostraci il Padre? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse. In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[/box]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.