don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo di oggi, 15 Luglio 2019 – Mt 10, 34-11.1

276

Proviamo a commentare quelle che in apparenza non ci sembrano proprio frasi da sentire in bocca a Gesù eppure il Vangelo di oggi le colloca esattamente lì. <<Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra>>.

E questa non ci sembra proprio una bella notizia, tranne poi accorgerci che lo scombussolamento che Gesù è venuto a portare non riguarda le guerre ma quelle paci mortifere dove pur di non soffrire o sbagliare alla fine si decide di non vivere. <<Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me>>.

Anche in questo caso ci sembra quanto mai contro natura una richiesta simile, tranne poi renderci conto che senza Cristo rischiamo di confondere l’amore con il possesso, e invece di godere dell’amore delle persone che amiamo passiamo la vita solo con la paura di perderle o in balia delle delusioni.

Se lui ha il primo posto aumenta anche la libertà con cui siamo capaci di voler bene a chi amiamo. <<Chi non prende la sua croce e non mi segue, non è degno di me. Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà».

Che cos’è la croce? Non è per forza un dolore, ma è la realtà che abbiamo davanti non solo in ciò che ci piace ma anche in ciò che non ci piace. Gesù dice che dobbiamo imparare a farci carico di tutta la realtà ma di non portarla da soli ma dietro di lui. Infatti solo lui sa come si  porta quello che la vita ci riserva di bello e di brutto.

Bisogna imparare a non credere alla menzogna che possiamo salvarci da soli, ma dobbiamo imparare a fidarci e a rischiare a par tire proprio da lui. <<Chi avrà dato anche solo un bicchiere di acqua fresca a uno di questi piccoli, perché è mio discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa>>.

Così oggi il Vangelo ci insegna che persino una cosa insignificante come un bicchiere d’acqua può salvarci se ci ricordiamo che soprattutto dietro a chi ha bisogno è nascosto colui che diciamo di amare e che non facciamo fatica a immaginare in cielo, mentre facciamo una fatica immensa a riconoscerlo nel prossimo.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Sono venuto a portare non pace, ma spada.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 10, 34-11.1

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:
«Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.
Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me.
Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.
Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto.
Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».
Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.

Parola del Signore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.