don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo di oggi, 13 Ottobre 2019

1490

“Gesù passava sui confini della Samaria e della Galilea. Come entrava in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, i quali si fermarono lontano da lui, e alzarono la voce, dicendo: «Gesù, Maestro, abbi pietà di noi!»”. La scena del vangelo di oggi inizia con questa descrizione. La geografia del posto è interessante perché tra la Samaria e la Galilea certamente non scorre buon sangue. Gli israeliti mal digeriscono i samaritani. Ma tutta la scena non è riempita innanzitutto da un’appartenenza ad un popolo ma dall’appartenenza ad una malattia.

Questa è una di quelle esperienze che sovente ci capita di fare nella vita: il dolore, la malattia, la sofferenza in genere, annulla le differenze, ci rende tutti uguali, tutti sullo stesso piano. Chi soffre solitamente si trova subito in sintonia con chi fa la stessa esperienza di dolore. Gesù incrocia dieci lebbrosi e non importa più se sono stranieri o meno.

Ciò che importa è l’unità che drammaticamente unisce queste dieci persone: “alzarono la voce, dicendo: «Gesù, Maestro, abbi pietà di noi!» E con la medesima unità Gesù guarisce tutte e dieci senza preferenze: “mentre andavano, furono purificati”. Eppure ad un certo punto c’è qualcosa che crea una distinzione: “Uno di loro vedendo che era purificato, tornò indietro, glorificando Dio ad alta voce; e si gettò ai piedi di Gesù con la faccia a terra, ringraziandolo”.

È la gratitudine che crea una differenza. Infatti il mondo forse potremmo dividerlo non tra bianchi o neri, non tra credenti e non credenti, non tra poveri e ricchi, ma tra chi è capace di gratitudine e chi dà per scontato. Il vero miracolo non è essere guariti ma essere grati. È proprio la constatazione di questa gratitudine che dona a quest’uomo qualcosa di più di una guarigione: la salvezza, «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato». Penso che sia una lezione immensa: la buona riuscita di questa vita non dipende dalla razza, dall’appartenenza, dal ceto, ma da quanto un uomo sia o meno capace di gratitudine, che altro non è che la capacità di accorgersi di ciò che conta. (Lc 17,11-19)

Commento a cura di don Luigi Maria Epicoco.

Letture della
XXVIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C

Prima Lettura

Tornato Naamàn dall’uomo di Dio, confessò il Signore.

Dal secondo libro dei Re
2 Re 5,14-17

 
In quei giorni, Naamàn [, il comandante dell’esercito del re di Aram,] scese e si immerse nel Giordano sette volte, secondo la parola di Elisèo, uomo di Dio, e il suo corpo ridivenne come il corpo di un ragazzo; egli era purificato [dalla sua lebbra].
 
Tornò con tutto il seguito  da [Elisèo,] l’uomo di Dio; entrò e stette davanti a lui dicendo: «Ecco, ora so che non c’è Dio su tutta la terra se non in Israele. Adesso accetta un dono dal tuo servo». Quello disse: «Per la vita del Signore, alla cui presenza io sto, non lo prenderò». L’altro insisteva perché accettasse, ma egli rifiutò.
 
Allora Naamàn disse: «Se è no, sia permesso almeno al tuo servo di caricare qui tanta terra quanta ne porta una coppia di muli, perché il tuo servo non intende compiere più un olocausto o un sacrificio ad altri dèi, ma solo al Signore».

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Sal 97 (98)
R. Il Signore ha rivelato ai popoli la sua giustizia.

Cantate al Signore un canto nuovo,
perché ha compiuto meraviglie.
Gli ha dato vittoria la sua destra
e il suo braccio santo. R.
 
Il Signore ha fatto conoscere la sua salvezza,
agli occhi delle genti ha rivelato la sua giustizia.
Egli si è ricordato del suo amore,
della sua fedeltà alla casa d’Israele. R.
 
Tutti i confini della terra hanno veduto
la vittoria del nostro Dio.
Acclami il Signore tutta la terra,
gridate, esultate, cantate inni! R.

Seconda Lettura

Se perseveriamo, con lui anche regneremo.

Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo a Timòteo
2 Tm 2,8-13

 
Figlio mio, ricòrdati di Gesù Cristo, risorto dai morti, discendente di Davide, come io annuncio nel mio vangelo, per il quale soffro fino a portare le catene come un malfattore.
Ma la parola di Dio non è incatenata! Perciò io sopporto ogni cosa per quelli che Dio ha scelto, perché anch’essi raggiungano la salvezza che è in Cristo Gesù, insieme alla gloria eterna.
 
Questa parola è degna di fede:
Se moriamo con lui, con lui anche vivremo;
se perseveriamo, con lui anche regneremo;
se lo rinneghiamo, lui pure ci rinnegherà;
se siamo infedeli, lui rimane fedele,
perché non può rinnegare se stesso.

Parola di Dio

Vangelo

Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 17, 11-19

 
Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samaria e la Galilea.
 
Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati.
Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano.
Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!».

Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.