don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo di oggi, 1 Ottobre 2019

2

La verità del Vangelo risiede in alcuni dettagli che non sono di poco conto. Ad esempio non censura le contraddizioni, i problemi, i fallimenti. Nella pagina di oggi ne è raccontato uno: “Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato tolto dal mondo, si diresse decisamente verso Gerusalemme e mandò avanti dei messaggeri.

Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per fare i preparativi per lui. Ma essi non vollero riceverlo, perché era diretto verso Gerusalemme”. Mi sono sempre chiesto se in fin dei conti sia possibile rifiutare Cristo nella propria vita. E la risposta che ho imparato a mie spese è sì. Pur essendo Dio, non si sostituisce alla nostra libertà, e davanti a lui rimaniamo talmente tanto liberi da potergli dire no, da poter tenere le porte chiuse e declinare i suoi inviti.

Anche in punto di morte ho incontrato persone che mi hanno detto esplicitamente no a ricevere Gesù. E l’inevitabile sofferenza che questo suscita, non deve mai sfociare in un fanatismo religioso o in una forma integralista che oggi in particolar modo stona grandemente sentendola pronunciare da Giacomo e Giovanni, due tra i migliori della Sua compagnia: <<Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: “Signore, vuoi che diciamo che scenda un’fuoco dal cielo e li consumi?”. Ma Gesù si voltò e li rimproverò. E si avviarono verso un altro villaggio».

Se Dio rispetta la libertà di ogni uomo fino alle estreme conseguenze, chi siamo noi per  sentirci autorizzati a punire una simile libertà che si mette contro? Dio è amante dell’amore, e l’amore per funzionare ha bisogno di libertà, per questo è morto affinché ognuno potesse essere libero fino in fondo. E si è liberi talmente tanto da poter andare all’inferno con le proprie gambe. Ecco perché è un’eresia affermare che siccome Dio è buono allora l’inferno non esiste. Perché se non esiste la possibilità contraria al Suo Amore allora noi non siamo liberi.

E se non siamo liberi allora non è possibile nemmeno l’Amore.

Commento a cura di don Luigi Maria Epicoco.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 9, 51-56
 
Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé.
Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme.
Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio.

Parola del Signore