don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del Giorno – 29 Marzo 2020 – Gv 11, 1-45

749

Della resurrezione di Lazzaro la cosa che colpisce di più è il suo silenzio. Non prega, non chiede, non supplica, non ringrazia.

Eppure Gesù lo tira fuori da quel sepolcro, demolendo in un attimo tutta la logica matematica che a volte ci guida nella fede. La resurrezione di Lazzaro è un atto di pura gratuità di Gesù. Dio non ama solo chi se lo merita, chi lo prega, chi è grato.

Dio ama tutti, anche quelli che non fanno niente di tutto ciò, perché chi è nella condizione di Lazzaro sembra impossibilitato, incapace a fare qualunque cosa. Un morto non prende iniziativa.

Sembra che il Vangelo di oggi ci dica che, se anche non avessimo nemmeno più parole per pregare, e ci sentissimo imprigionati come in un sepolcro, in una condizione di mortificazione, e legati con bende strette da circostanze che abbiamo subito o scelto, Lui potrebbe ancora fare qualcosa per noi. “Lazzaro, vieni fuori!”.

Credere è obbedire a quel comando e disobbedire alla morte che ci imprigiona, qualunque essa sia.

Commento di don Luigi Maria Epicoco al Vangelo di Gv 11, 1-45.

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO