don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del Giorno – 17 Marzo 2020 – Mt 18, 21-35

549

«Allora Pietro gli si avvicinò e gli disse: “Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?”. E Gesù gli rispose: “Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette”».

La domanda di Pietro più che una richiesta sembra una domanda ironica: «Signore basta perdonare all’infinito?», e Gesù risponde: «No non basta, bisogna moltiplicare all’infinito».

Basterebbe questa affermazione di Gesù a chiudere la partita del Vangelo di oggi. Eppure Gesù sente il bisogno di spiegare a Pietro dove si trova la radice di un eccesso di perdono così grande, e racconta una strana e paradossale parabola. C’è un uomo che ha un debito immenso, e il re con cui ha contratto questo grande debito chiede la restituzione.

Quell’uomo è disperato. Il debito è sproporzionato rispetto alle sue possibilità di pagamento. L’unica cosa che gli viene in mente di fare è gettarsi ai piedi di questo re per implorare pazienza e misericordia. Quel re non rimane indifferente davanti a quel dolore, e non solo gli concede tempo ma gli condona un debito così grande.

Venendo fuori da questa brutta storia quell’uomo incontra un servo come lui. Questa volta è questo suo pari ad avere un banalissimo debito nei suoi confronti. A paragone con la sua storia dovremmo dire che gli deve pochi spiccioli, ma quell’uomo comincia a pretendere la restituzione di quel debito in una maniera così esagerata che alla fine fa arrestare quel suo amico e lo mette in una condizione di profonda disgrazia.

«Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto il debito perché mi hai pregato. Non dovevi forse anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. E, sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non gli avesse restituito tutto il dovuto».

Ecco perché dovremmo imparare a perdonare sempre, perché noi siamo stati i primi a essere stati perdonati. Se non ci accorgiamo di questo perdono ricevuto allora è difficile capire la richiesta esagerata di Gesù.

Commento di don Luigi Maria Epicoco al Vangelo di Mt 18, 21-35.

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.