don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del Giorno – 11 Marzo 2020 – Mt 20, 17-28

462

C’è qualcosa che stride in maniera profonda nel racconto del Vangelo di oggi. Da una parte Gesù sembra scoprire una volta per tutte le carte circa il suo destino che lo aspetta a Gerusalemme: <<Ecco, noi stiamo salendo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai sommi sacerdoti e agli scribi, che lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perché sia schernito e flagellato e crocifisso; ma il terzo giorno risusciterà>>.

E dall’altra parte la risposta da parte dei discepoli che sembrano avere la mente e il cuore fissi altrove: <<Allora gli si awicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: “Che cosa vuoi?”. Gli rispose: “Di’ che questi miei figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno”. Rispose Gesù: “Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?” >>.

Come si può pensare ai primi posti mentre chi ami ti sta dicendo che sta andando incontro a una morte violenta? Ciò che sembra contraddittorio penso si spieghi attraverso quella logica di rimozione che tutti noi attuiamo davanti alle cose difficili della vita.

Infatti pur di non voler incontrare l’ angoscia siamo disposti a distrarci in tutti i modi o ad esorcizzarla nella maniera più strana possibile. Delle volte usiamo appunto la logica della carriera per nascondere Pangoscia della vita, altre volte il cibo o il sesso, altre volte il possesso dei beni.

È solo un modo per rimuovere il problema e non un modo per dire che non ci interessa. Anzi dovremmo quasi dire che è proprio perché sentiamo che ci interpella in maniera così profonda che non riusciamo a fare altro che trovare forme anestetiche che ci salvino.

Questo è il motivo per cui Gesù invece invita al realismo dell’ultimo posto? <<Non così dovrà essere tra voi; ma colui che vorrà diventare grande tra voi, si farà vostro servo, e colui che vorrà essere il primo tra voi, si farà vostro schiavo; appunto come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti >>.

Commento di don Luigi Maria Epicoco al Vangelo di Mt 20, 17-28.

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.