don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 8 Aprile 2019 – Gv 8, 12-20

17

“Anche se io rendo testimonianza di me stesso, la mia testimonianza è vera, perché so da dove vengo e dove vado. voi invece non sapete da dove vengo o dove vado. Voi giudicate secondo la carne; io non giudico nessuno. E anche se giudico, il mio giudizio è vero, perché non sono solo, ma io , e il padre che mi ha mandato”.

In queste pagine di Giovanni si può forse perdere un po’ il filo del ragionamento di Gesù, ma ogni dettaglio è carico di un significato immenso. Oggi per esempio Gesù dice che la sua testimonianza è vera perché lui sa da dove viene e dove sta andando. Non è forse qui la radice del nostro spaesamento? Perché nessuno di noi può essere affidabile per se stesso? Perché nessuno di noi, se è sincero, sa veramente da dove viene e dove sta andando.

Ci mettiamo un’intera vita a capire di che storia siamo figli, e un’intera vita a capire che cosa vogliamo veramente, verso dove stiamo andando. In Gesù questa domanda ha trovato risposta. È nell’amore che egli vive con il Padre che ha trovato risposta. E ciascuno di noi sa quanto l’esperienza dell’amore sana alla radice il nostro spaesamento.

Quando ci sentiamo amati, di colpo non importano più tutte le contraddizioni di cui siamo figli, e tutto l’ignoto che si dipana davanti. ImPorta che quell’amore non ti fa sentire più sbagliato ma ti fa sentire giusto e al momento giusto. <<Gli dissero allora: Dov’è tuo padre? Rispose Gesù: “Voi non conoscete né me né il Padre; se conosceste me, conoscereste anche il Padre>>.  Mi piacerebbe salvare l’intenzione della domanda: dov’è tuo Padre?”.

In fondo tutti stiamo cercando un Padre, tutti stiamo cercando qualcuno che ci renda davvero figli alla maniera di Gesù. E Gesù risponde che chi conosce Lui alla fine conosce anche il Padre che sta cercando. Che è un po’ come dire che dall’incontro con Gesù ne scaturisce un incontro profondo anche con un Senso che guarisce davvero tutta l’esistenza.

Per questo Gesù è l’unico che può portarci lì dove davvero vogliamo andare. Di se stesso dirà: “Io sono la porta”.

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi trovare tutti i commenti al Vangelo di don Luigi oppure leggere altri commenti al Vangelo del giorno.[/box]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.