don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 7 Novembre 2019

4

<<I farisei e gli scribi mormoravano: “Costui riceve i peccatori e mangia con loro”. Allora egli disse loro questa parabola>>. Le mormorazioni degli scribi e dei farisei nascono da un meccanismo umano comprensibilissimo che si trova in ognuno di noi: l’amore va meritato.

Se non hai meriti per essere amato è assurdo che qualcuno ti ami, anzi è ingiusto. Gesù non vuole negare questo, non vuole dire che il Suo amore è giusto, ma vuole spiegare che l’ingiustizia del Suo amore risponde a una giustizia più grande. È la gioia che prova nell’amare ciò che sembra essere ormai perduto. Per questo racconta due storie limite per concludere che in entrambi i casi “c’è più gioia”.

La prima storia è quella di una pecora che si perde, e che il pastore va a cercare come se fosse l’unica, la più importante. Lascia da parte le novantanove pur di trovare quell’unica pecora. Si incontra l’amore solo quando si incontra qualcuno che ti ama come se tu valessi tutto, più degli altri, più di ogni altra cosa. Solo quando ti senti prediletto senti che l’amore ti salva. L’amore che ama tutti allo stesso modo non è amore che ti cambia la vita. Incontrare Gesù significa incontrare un amore di predilezione. Un amore che ti dice: tu non sei come gli altri.

La seconda storia racconta di una donna che perde una moneta e finché non la ritrova non smette di cercarla: «E dopo averla trovata, chiama le amiche e le vicine, dicendo: Rallegratevi con me, perché ho ritrovato la dramma che avevo perduta». È l’esperienza dell’ostinazione dell’amore. È l’amore che non si arrende davanti alla tua infelicità. È l’amore che non ti lascia anche quando tutti ti hanno lasciato e forse anche tu non ci speri più. È l’amore che non è appagato finché non ti trova. Il finale però è comune: <<Così, vi dico, c’è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte>>.

Convertirsi significa lasciarsi raggiungere da questo amore. Non è meritarsi l’amore ma lasciare che l’amore ci cambi fino a stravolgere anche le nostre scelte sbagliate.

Commento di don Luigi Maria Epicoco.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 15, 1-10
 
In quel tempo, si avvicinavano a Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro».
Ed egli disse loro questa parabola: «Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? Quando l’ha trovata, pieno di gioia se la carica sulle spalle, va a casa, chiama gli amici e i vicini, e dice loro: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta”. Io vi dico: così vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte, più che per novantanove giusti i quali non hanno bisogno di conversione.
Oppure, quale donna, se ha dieci monete e ne perde una, non accende la lampada e spazza la casa e cerca accuratamente finché non la trova? E dopo averla trovata, chiama le amiche e le vicine, e dice: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la moneta che avevo perduto”. Così, io vi dico, vi è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte».

Parola del Signore