don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 5 Novembre 2019

6

La potenza dei racconti di Gesù è tale che chi lo ascolta non si sente mai tagliato fuori dai suoi esempi. E il suo scopo è esattamente quello di spingere chi lo ascolta ad assumersi la propria responsabilità, la propria fetta di libertà e di scelta. Nel vangelo di oggi Gesù sembra fotografare una situazione che è sempre attuale.

È la situazione in cui la vita prende talmente tanto il sopravvento su di noi da considerare Dio come un invito a cena a cui si può mancare: <<Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. All’ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: Venite, è pronto. Ma tutti, all’unanimità, cominciarono a scusarsi. Il primo disse: Ho comprato un campo e devo andare a vederlo; ti prego, considerami giustificato.

Un altro disse: Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego, considerami giustificato. Un altro disse: Ho preso moglie e perciò non posso venire». Sembra ci sia sempre una buona scusa per declinare l’invito di Dio. Ma la questione della fede non è, come ci vogliono far credere, una questione di gusti personali come lo sport, il passatempo e gli hobby. Finché la fede rimane relegata alla sfera intimistica della gente, si può anche capire come ci sono questioni più serie nella vita a cui dare la precedenza. Ma se la questione della fede è la questione del senso della vita stessa, allora non c’è nulla che possa avere la precedenza su di essa.

Infatti il gioco non è assecondare un gusto personale, ma rispondere per quale motivo vale o no la pena vivere. Ma la storia che racconta Gesù non si ferma a constatare un rifiuto. Quell’uomo che aveva preparato la cena manda i suoi servi a fare entrare nella sua casa quelli che apparentemente non erano stati invitati. Li spinge, li invita, gli fa spazio, ne chiama più che può <<perché vi dico: Nessuno di quegli uomini che erano stati invitati assaggerà la mia cena>>.

Ecco perché solitamente sono i lontani, gli scartati, gli ultimi i prediletti di Dio, perché solo un disperato può capire seriamente la grande questione della speranza. Chi sta bene rischia spesso di prendere la questione sottogamba.

Commento di don Luigi Maria Epicoco.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Esci per le strade e lungo le siepi e costringili ad entrare, perché la mia casa si riempia.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 14, 15-24
 
In quel tempo, uno dei commensali, avendo udito questo, disse a Gesù: «Beato chi prenderà cibo nel regno di Dio!».
Gli rispose: «Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. All’ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: “Venite, è pronto”. Ma tutti, uno dopo l’altro, cominciarono a scusarsi. Il primo gli disse: “Ho comprato un campo e devo andare a vederlo; ti prego di scusarmi”. Un altro disse: “Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego di scusarmi”. Un altro disse: “Mi sono appena sposato e perciò non posso venire”.
Al suo ritorno il servo riferì tutto questo al suo padrone. Allora il padrone di casa, adirato, disse al servo: “Esci subito per le piazze e per le vie della città e conduci qui i poveri, gli storpi, i ciechi e gli zoppi”.
Il servo disse: “Signore, è stato fatto come hai ordinato, ma c’è ancora posto”. Il padrone allora disse al servo: “Esci per le strade e lungo le siepi e costringili ad entrare, perché la mia casa si riempia. Perché io vi dico: nessuno di quelli che erano stati invitati gusterà la mia cena”».

Parola di Dio