don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 5 Maggio 2020 – Gv 10, 22-30

183

Molte provocazioni emergono dalla pagina del Vangelo di oggi. Innanzitutto, la domanda esplicita con cui i Giudei si approcciano a Gesù: «Fino a quando terrai l’animo no­stro sospeso? Se tu sei il Cristo, dillo a noi apertamente».

In fondo questa può sembrare davvero una domanda legittima. Tutti abbiamo legittimamente il desiderio di avere certez­ze incontrovertibili su cui fondare la nostra vita. Ma dietro questo legittimo desiderio c’è la tentazione di non accettare che le uniche certezze su cui fondare la nostra vita non de­vono vertere sulla chiarezza delle parole, ma sull’evidenza dei fatti: «Gesù rispose loro: “Ve l’ho detto e non credete; le opere che io compio nel nome del Padre mio, queste mi danno testimonianza; ma voi non credete, perché non siete mie pecore. Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le co­nosco ed esse mi seguono”».

Coloro che cercano formule chiare molto spesso non sono disposti a discernere nei fatti ciò che conta. Al contrario un cristiano lo è soprattutto per il desiderio di rintracciare nei fatti, nelle opere, quello che Dio sta facendo e sta dicendo. Ma per capire le opere bisogna in­nanzitutto accoglierle, viverle, domandarsi, discernere. Pare che sia diffusa una certa allergia a questo tipo di fatica.

In questo senso però la fede cristiana deve poter educare a questa differenza. Avere chiaro il catechismo e non saper leggere i segni dei tempi fa di noi dei “primi della classe” ma non dei discepoli. Questi ultimi lo sono perché sono entrati in un’intimità tale con Cristo che realizzano pienamente quello che Gesù aggiunge a ciò che ha già detto: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno mai perdute e nessuno le rapirà dalla mia mano. Il Padre mio che me le ha date è più grande di tutti e nessuno può rapirle dalla mano del Padre mio. Io e il Padre siamo una cosa sola».

Sentirsi nelle mani di Cristo fa calare in noi anche l’ansia di voler avere certezze alla maniera del mondo perché per noi l’unica certezza che conta è qualcuno non qualcosa.


AUTORE: don Luigi Maria Epicoco
PAGINA FACEBOOK
FONTE: Amen – La Parola che salva

AMEN ti offre in un unico volume giorno per giorno:

  • i testi della Santa Messa e la Liturgia delle Ore: Lodi Mattutine, Vespri e Compieta
  • il commento di Papa Francesco alle letture
  • meditazioni a cura di don Luigi Maria Epicoco e don Claudio Doglio
  • le Preghiere del cristiano, il Rosario, la Coroncina della Divina Misericordia e tante altre preghiere
  • il calendario liturgico

Pratico formato (cm. 11,5 x 14,4): 640 pagine – testo a caratteri grandi, ben leggibile.

ABBONATI A 12 MESI (12 NUMERI) A 34,90€
Prezzo verificato a maggio 2020

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 10 Maggio 2020 – mons. Giuseppe Zenti
Articolo successivoIl Vangelo del giorno, 5 Maggio 2020