don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 28 Ottobre 2021

220

AUTORE: don Luigi Maria Epicoco
PAGINA FACEBOOK
FONTE: Amen – La Parola che salva – ABBONATI A 12 MESI (12 NUMERI) A 34,90€


“Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio”.

Se ci fermassimo anche soltanto a contemplare questa indicazione iniziale del Vangelo di oggi, ci accorgeremmo che la preghiera è un tratto decisivo nella vita di Gesù. La preghiera per lui non è semplice ritualità, ma è ossigeno, perché la preghiera di Gesù è relazione con Suo Padre. Gesù non si comporta da supereroe che non ha bisogno di nessuno perché dotato di un super potere che lo rende autosufficente rispetto al resto del mondo.

Gesù mostra che il suo tratto vincente è nella relazione con Suo Padre, e per questo prega. Inoltre la Sua preghiera non è mai un evento separato dal resto della sua vita ma ne è come la rincorsa: infatti dopo che prega accade o decide qualcosa di importante:

“Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli”.

Gesù prega per scegliere, prega per decidere, prega prima di agire, prega per capire, prega per affidarsi. E soprattutto la sua non è una preghiera alienante ma una preghiera che sa passare dall’intimità (il monte) alla realtà (la pianura):

“Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie”.

La preghiera non produce solo un effetto in Lui ma anche un effetto sugli altri. È bello ricordarci che la preghiera non agisce solo in chi prega ma anche in chi incontra quelli che pregano. Se ciascuno di noi pregasse seriamente allora cambierebbe la vita anche delle persone che hanno a che fare con noi.  In Gesù, ad esempio, è una forza che agisce con potenza su tutti quelli che lo incrociano per un motivo o per un altro:

“anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti”.


Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 31 Ottobre 2021 – don Erio Castellucci
Articolo successivoPer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 28 Ottobre 2021