don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 26 Maggio 2022

422
luigi-maria-epicoco

- Pubblicità -

“Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete”.

Non si può comprendere nulla del Vangelo di oggi se dimentichiamo che ci troviamo al capitolo 16 del Vangelo di Giovanni, che per intenderci è il punto focale di tutto il racconto della passione di Gesù. Le ore qui raccontate sono le poche che separano Gesù dalla sua fine. Il non vederlo è riferito alla sua morte e sepoltura, il rivederlo è riferito alla sua resurrezione, ma questo i discepoli giustamente non riescono a capirlo.

Esattamente come è difficile per ciascuno di noi capire qual è il senso del buio che tante volte siamo costretti a vivere. Nel cuore di ogni nostro venerdì santo regna la confusione, la paura, lo smarrimento. Quando si soffre, quando si è in croce non si comprende mai il perché di tutto ciò. Come può Dio permetterlo, e dove in realtà ci sta conducendo? Sono domande che quando le si pronuncia nel cuore di una sofferenza sono destinate a rimanere senza risposta. È così che capita anche a Gesù. Ma Egli ci insegna che in simili ore non bisogna rimanere ostaggio dei ragionamenti, ma bisogna imparare ad affidarsi.

«State indagando tra voi perché ho detto: “Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete”? In verità, in verità io vi dico: voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia».

Il mondo a cui si riferisce Gesù è il mondo basato sull’odio, il male e l’egoismo. C’è un momento in cui la croce sembra la vittoria schiacciante del male. Ma questa gioia è destinata a finire. C’è infatti qualcosa che nessuno sa, e cioè l’imprevisto della resurrezione. Credo che sia questa fede semplice e rocciosa che ha animato i pastorelli di Fatima di cui oggi ricorre l’anniversario della prima apparizione. Avevano tutto contro, e due di loro morirono quasi subito, eppure avevano ragione a sperare e a fidarsi di Maria.

A noi molto spesso manca questa fiducia, questo affidamento al di là di ogni perché a cui non riusciamo a rispondere.

NUOVO COMMENTO DA FACEBOOK

- Pubblicità -

Ci sono brani del Vangelo che testimoniano la chiara difficoltà che i discepoli fanno per capire fino in fondo Gesù. Credo che volutamente questi indizi si trovino nel Vangelo per consolarci: anche noi possiamo permetterci di non capire sempre il Signore, di non capire che ci sta dicendo, dove ci sta conducendo, perché accadono delle cose, o perché non ne accadono di altre. Davanti a questo tipo di confusione Gesù pronuncia queste parole: “Andate indagando tra voi perché ho detto: Ancora un poco e non mi vedrete e un po’ ancora e mi vedrete? In verità, in verità vi dico: voi piangerete e vi rattristerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete afflitti, ma la vostra afflizione si cambierà in gioia”. […] Continua la lettura del commento qui.

Articolo precedenteIl testo dell’Udienza Generale di Papa Francesco del 25 Maggio 2022 anche con video e audio
Articolo successivoMonaci Benedettini Silvestrini – Commento al Vangelo del 26 Maggio 2022