don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 25 Marzo 2019 – Lc 1, 26-28

1770

Tra nove mesi esatti sarà Natale. Ce lo ricorda la festa dell’annunciazione a Maria che si celebra oggi, ma per quanto possiamo gettare fiaccole su questo Mistero, esso rimane sempre un Mistero ai nostri occhi. Infatti è misterioso come l’Infinito possa entrare nel finito. È misterioso come il Tutto si faccia frammento. Come il Figlio dell’Altissimo si faccia bambino. Ci verrebbe da semplificare ogni cosa dicendo che le nostre parole sono solo simboliche e che parliamo per paragoni, ma così non è.

L’incarnazione di Gesù è l’incarnazione del Figlio di Dio che si fa carne nel grembo di Maria. La faccenda è così sconvolgente che persino Maria ne avverte il contraccolpo: “Ella fu turbata a queste parole, e si domandava che cosa volesse dire un tale saluto. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco, tu concepirai e partorirai un figlio, e gli porrai nome Gesù. Questi sarà grande e sarà chiamato Figlio dell’Altissimo, e il Signore Dio gli darà il trono di Davide, suo padre. Egli regnerà sulla casa di Giacobbe in eterno, e il suo regno non avrà mai fine»”. Non temere, non avere paura, le dice l’angelo. Ma abbiamo sempre un po’ paura di ciò che non conosciamo. La vita di ognuno di noi è misteriosa. Cerchiamo di immaginarci che ne sarà di noi ma fondamentalmente non lo sappiamo fino in fondo.

Anche a noi il Signore ci dice di fidarci, di non avere paura. Capiterà che la Grazia riserverà un po’ del Suo aiuto anche a noi, e faremo e vivremo cose che non potevamo nemmeno immaginarci. Serve però un “Eccomi”, come quello di Maria. È un “Eccomi” pronunciato più con fede che per ragionamento. Infatti Maria stessa non comprende fino in fondo la portata di quello che le sta accadendo, ma si fida, dice si. Quante volte anche a noi capita la stessa cosa: ci innamoriamo di qualcuno o lo perdiamo, ci capita qualcosa di bello o di brutto, e noi possiamo solo prendercene la responsabilità dicendo “Eccomi”. Quanto lontano ci porterà quel Si? “Lo scopriremo solo vivendo”, così come accadde a Maria.

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi trovare tutti i commenti al Vangelo di don Luigi oppure leggere altri commenti al Vangelo del giorno.[/box]

Vangelo del giorno

Lc 1, 26-38
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.