don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2021 – Mc 4, 35-41

242

AUTORE: don Luigi Maria Epicoco
PAGINA FACEBOOK
FONTE: Amen – La Parola che salva – ABBONATI A 12 MESI (12 NUMERI) A 34,90€


Leggi il brano del Vangelo di † Mc 4, 35-41

La prima indicazione che il Vangelo di oggi ci dà è proprio nell’incipit del racconto: “In quel medesimo giorno, verso sera, disse loro: «Passiamo all’altra riva». E lasciata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca”. Prendere Gesù così com’è, senza volerlo far salire sulla nostra barca secondo la trasformazione di tutte le nostre aspettative.

Infatti non di rado noi non crediamo a Gesù Cristo, ma a quello che ci siamo disegnati da soli con le nostre paure, le nostre ferite, i nostri desideri. Essere credenti significa prendere Gesù nella nostra vita così com’è e non così come vorremmo che fosse. Ecco perché abbiamo bisogno del Vangelo, perché solo esso ci restituisce un’immagine di Gesù autorizzata.

Quello che coltiviamo nel nostro immaginario, senza la Parola di Dio, troppo spesso è frutto della nostra psiche più che della nostra fede. Forse sarà questo il motivo per cui subito dopo questa annotazione il vangelo ci racconta di una tempesta che scoppia proprio mentre sono in barca e Gesù è con loro. Che cosa vorremmo da Gesù se ci trovassimo nella tempesta? Che ci salvasse.

Ma il Gesù che emerge è un Gesù che dorme: “Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che moriamo?». Destatosi, sgridò il vento e disse al mare: «Taci, calmati!». Il vento cessò e vi fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché siete così paurosi? Non avete ancora fede?»”.

Che cosa significa avere fede? Svegliare Gesù? No, significa sapere che non importa dove siamo e che cosa stia succedendo se abbiamo la certezza che Egli è con noi. E se a volte la nostra percezione è che “non gli importa”, avere fede significa mettersi contro un simile pensiero. È la Sua presenza nella nostra vita il più grande miracolo che ci ha lasciato. Non è la soluzione di tutti i nostri problemi e difficoltà, ma il sapere che tutti i problemi e le difficoltà sono abitati dalla Sua presenza.

Se Lui è con noi possiamo anche permetterci di perdere perché Egli ha già vinto.


Articolo precedentedon Gianmario Pagano – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2021
Articolo successivomons. Giuseppe Zenti – Commento al Vangelo di domenica 20 Giugno 2021