don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 18 Ottobre 2020

57

Di chi sei? Di Cesare? Allora è a lui che devi restituirti.

Di chi sei? Di te stesso? Allora è a te stesso che devi rivolgerti per essere felice.

Di chi sei? Di Dio? Allora stai tranquillo, significa che sei libero.

Abbiamo sempre bisogno di Qualcuno che ci difenda dall’imperatore di turno, ma anche da noi stessi. Abbiamo sempre bisogno di Qualcuno che ci dica che siamo liberi perché fatti a immagine e somiglianza di un Dio che è libertà non perché è autosufficiente ma perché è Amore.

don Luigi Epicoco su Facebook

Articolo precedentedon Cristiano Marcucci – Commento al Vangelo del 18 Ottobre 2020
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 18 Ottobre 2020