don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 18 Giugno 2020 – Mt 6, 7-15

439

Qual è la maniera giusta di pregare? Quali sono le parole giuste da usare? Penso che molti di noi, almeno una volta nella vita, si sono fatti questa domanda. Gesù nel Vangelo di oggi risponde proprio a questi interrogativi: <<Pregando poi, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate. Voi dunque pregate così…>>.

La prima indicazione che dà Cristo è quella di ricordarci che la preghiera non serve ad informare Dio di qualcosa che non solo conosce già, ma la conosce meglio di noi. Ma se non bisogna più pregare per chiedere, a che cosa serve la preghiera?

È proprio qui che Gesù spiazza tutti, insegnando che l’unica preghiera autorizzata è quella che ci fa fare l’esperienza del Padre: <<Voi dunque pregate così: Padre nostro…>>.

Quindi noi possiamo dire di pregare solo quando la nostra preghiera ci mette nelle condizioni di fare memoria che Dio è nostro Padre, che noi siamo figli, che siamo amati, sostenuti, salvati, accompagnati, liberati dal suo amore. Se la nostra preghiera non è il tentativo di entrare in maniera viva in questa esperienza relazionale così sconvolgente, allora non è la preghiera che ci ha insegnato Cristo. Solo dopo essere entrati in questa esperienza viva, allora tutte le richieste contenute nel Padre nostro trovano il loro vero significato.

Ma sarebbe utile ricordare anche un altro piccolo dettaglio: l’unica condizione che ci chiede Cristo per pregare, on riguarda la nostra situazione emotiva, psicologica, morale, esistenziale. L’unica condizione che pone è quella di perdonare. Solo il perdono ci autorizza a pregare: <<Se voi infatti perdonerete agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonerete agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe>>.

Ciò significa che la nostra preghiera è valida non quando emotivamente ci sentiamo appagati, ma quando interiormente lottiamo per perdonare il male subito.


AUTORE: don Luigi Maria Epicoco
PAGINA FACEBOOK
FONTE: Amen – La Parola che salva

AMEN ti offre in un unico volume giorno per giorno:

  • i testi della Santa Messa e la Liturgia delle Ore: Lodi Mattutine, Vespri e Compieta
  • il commento di Papa Francesco alle letture
  • meditazioni a cura di don Luigi Maria Epicoco e don Claudio Doglio
  • le Preghiere del cristiano, il Rosario, la Coroncina della Divina Misericordia e tante altre preghiere
  • il calendario liturgico

Pratico formato (cm. 11,5 x 14,4): 640 pagine – testo a caratteri grandi, ben leggibile.

ABBONATI A 12 MESI (12 NUMERI) A 34,90€
Prezzo verificato a maggio 2020