Home / Vangelo del Giorno / don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 16 Marzo 2019 – Mt 5, 43-48

don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 16 Marzo 2019 – Mt 5, 43-48

La misura del nostro comportamento molto spesso la decide la massa. Noi ci comportiamo come si comportano tutti. È questa la nostra misura, e quando vogliamo giustificarci diciamo “tanto così fanno tutti!”. Gesù ci tira fuori da un simile e mediocre ragionamento e ci dice invece di fare la differenza. Essere differenti lo si vede soprattutto da quanto siamo disposti ad andare contro corrente. Ed andare controcorrente non significa semplicemente andare a manifestare nelle piazze, o a difendere i nostri valori e le nostre convinzioni. Gesù ha detto di essere differenti soprattutto nell’amore, prima ancora che nei valori: “Voi avete udito che fu detto: “Ama il tuo prossimo e odia il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; poiché egli fa levare il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti”. L’amore ai nemici è ciò che più dovrebbe distinguerci. Invece delle volte anche a noi prende la tentazione di demonizzare i nostri nemici, di ripagarli con la stessa moneta, di godere della loro umiliazione, anzi di trovare modi sempre nuovi e creativi per umiliarli, e tutto perché ci sentiamo giustificati dal fatto che siamo dalla parte della verità. Ma essere dalla parte della verità significa essere dalla parte di Cristo, e Lui cosa ci ha chiesto? “Se infatti amate quelli che vi amano, che premio ne avete? Non fanno lo stesso anche i pubblicani? E se salutate soltanto i vostri fratelli, che fate di straordinario? Non fanno anche i pagani altrettanto? Voi dunque siate perfetti, come è perfetto il Padre vostro celeste”. C’è nella Messa una richiesta che a un certo punto il sacerdote fa a nome di tutti riferendosi alla Chiesa: “rendila perfetta nella fede e nell’amore”. La Chiesa, cioè noi, o è perfetta nella fede e nell’amore oppure non è. A questo dovremmo tendere, più ancora che a difendere Cristo: ascoltarlo per davvero.

Vangelo del giorno

Mt 5, 43-48
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.
Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

VEDI ANCHE

Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 21 Marzo 2019 – Mt 21, 33-43.45

l vangelo oggi racconta di una vigna data in gestione a dei vignaioli assassini. È …

One comment

  1. Sono straordinari, trasparenti, sono grandi filosofi e maestri, Don Luigi e Don Fabio, rendono il vangelo accessibile a tutti quelli che li ascoltano. Spero in Dio di fare la differenza. Come nel vangelo di oggi, e di cercare sempre il volto di Dio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.