Home / Vangelo del Giorno / don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 15 Marzo 2019 – Mt 5, 20-26

don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 15 Marzo 2019 – Mt 5, 20-26

“Se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli”. Dobbiamo sempre tenerlo a mente. A noi il Signore non ci chiede semplicemente di stare alle regole, ma di imparare a saper andare oltre la semplice regola.

E andare oltre significa saper cogliere che ciò che conta è la sostanza e mai semplicemente la forma. Molte volte noi salviamo la forma, l’apparenza, le regole intese come schemi, ma ci perdiamo la sostanza vera delle cose. Un cristiano è chiamato a saper andare al cuore della realtà e non fermarsi semplicemente a salvare la forma. “Avete inteso che fu detto agli antichi: Non uccidere; chi avrà ucciso sarà sottoposto a giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio. Chi poi dice al fratello: stupido, sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: pazzo, sarà sottoposto al fuoco della Geenna”. Sembra un po’ un’esagerazione quella di Gesù nel vangelo di oggi, eppure penso che tutti abbiamo sperimentato che ci sono tanti modi di uccidere un fratello.

Certe volte possiamo uccidere con le parole, con gli atteggiamenti, con alcune scelte, con i silenzi, e tutto senza trasgredire formalmente nessuna regola. Ma nella sostanza si. Ed è questo quello che conta. Ecco allora il motivo per cui Gesù invita ad avere un cuore diverso, un cuore che sa riconciliarsi prima di presentare l’offerta e che sa mettersi d’accordo con l’avversario prima di fare una brutta fine. “Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario mentre sei per via con lui, perché l’avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia e tu venga gettato in prigione. In verità ti dico: non uscirai di là finché tu non abbia pagato fino all’ultimo spicciolo!”.

In fin dei conti non sta dicendo solo di avere un cuore che funziona, ma di farlo funzionare perché questa è la vera furbizia del cristiano: avere un cuore che funziona davvero fino alle estreme conseguenze.

Vangelo del giorno

Mt 5, 20-26
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli.
Avete inteso che fu detto agli antichi: “Non ucciderai”; chi avrà ucciso dovrà essere sottoposto al giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio. Chi poi dice al fratello: “Stupido”, dovrà essere sottoposto al sinèdrio; e chi gli dice: “Pazzo”, sarà destinato al fuoco della Geènna.
Se dunque tu presenti la tua offerta all’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare, va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono.
Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario mentre sei in cammino con lui, perché l’avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia, e tu venga gettato in prigione. In verità io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo!».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

VEDI ANCHE

Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 22 Maggio 2019 – Gv 15, 1-8

Oggi il Signore ci offre due semplici idee, due immagini molto forti. La prima è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.