La seguente trascrizione del video è stata fatta automaticamente e non rivista ne’ corretta; ce ne scusiamo.

Quando uno pensa a un uomo riuscito, pensa a Giovanni Battista. Gesù usa una parola bellissima per descriverlo dice che tra i nati di donna non c’è nessuno più grande di Lui ma per capire bene questo paragone, per dire che Giovanni Battista non è il più grande fra nati di donna ma in realtà il più piccolo nel regno di Dio è più grande di lui.

Dobbiamo avere davanti l’immagine di un bambino, magari questo bambino per volare. Non ha altri mezzi che mettersi in punta di piedi è il massimo delle sue forze. Oppure può domandare al padre di essere preso in braccio di essere elevato cioè a una condizione diversa delle sue forze.

Bene Giovanni Battista raggiunge con il massimo delle sue forze con l’innalzamento della propria umanità è un uomo riuscito ma il Regno di Dio non è fatto da uomini riusciti ma da uomini presi in braccio dalla misericordia di Dio elevati ad una condizione. Certo il Vangelo di questa domenica in questo percorso di Avvento ci ricorda che non si può arrivare a Cristo se non passando anche attraverso Giovanni Battista cioè passando attraverso un’umanità riuscita a un’umanità che deve spingersi al massimo una volta che si è spinto al massimo può essere soltanto presa in braccio da questa misericordia di Dio ed elevata a un’altezza completamente diversa. Pensare che il cristianesimo sia semplicemente una scuola di umanità cioè pensare che il cristianesimo faccia semplicemente venir fuori degli uomini riusciti è un po riduttivo perché il cristianesimo non soltanto sprigiona l’immensa umanità dal cuore delle persone.

A un certo. Li invita a fidarsi di una misericordia che le alza un livello. E la logica dell’amore che non ti chiede semplicemente di sforzarsi. ma che ti tocca.

Commento di don Luigi Maria Epicoco.


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Letture della
III DOMENICA DI AVVENTO – ANNO A
Colore liturgico: VIOLA o ROSACEO

Prima Lettura

Ecco il vostro Dio, egli viene a salvarvi.Dal libro del profeta Isaìa

Is 35,1-6a. 8a. 10

Si rallegrino il deserto e la terra arida,
esulti e fiorisca la steppa.
Come fiore di narciso fiorisca;
sì, canti con gioia e con giubilo.
Le è data la gloria del Libano,
lo splendore del Carmelo e di Saron.
Essi vedranno la gloria del Signore,
la magnificenza del nostro Dio.

Irrobustite le mani fiacche,
rendete salde le ginocchia vacillanti.
Dite agli smarriti di cuore:
«Coraggio, non temete!
Ecco il vostro Dio,
giunge la vendetta,
la ricompensa divina.
Egli viene a salvarvi».

Allora si apriranno gli occhi dei ciechi
e si schiuderanno gli orecchi dei sordi.
Allora lo zoppo salterà come un cervo,
griderà di gioia la lingua del muto.
Ci sarà un sentiero e una strada
e la chiameranno via santa.
Su di essa ritorneranno i riscattati dal Signore
e verranno in Sion con giubilo;
felicità perenne splenderà sul loro capo;
gioia e felicità li seguiranno
e fuggiranno tristezza e pianto.

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Sal 145 (146)

R. Vieni, Signore, a salvarci.
Oppure:
R. Alleluia, alleluia, alleluia.

Il Signore rimane fedele per sempre
rende giustizia agli oppressi,
dà il pane agli affamati.
Il Signore libera i prigionieri. R.

Il Signore ridona la vista ai ciechi,
il Signore rialza chi è caduto,
il Signore ama i giusti,
il Signore protegge i forestieri. R. 

Egli sostiene l’orfano e la vedova,
ma sconvolge le vie dei malvagi.
Il Signore regna per sempre,
il tuo Dio, o Sion, di generazione in generazione. R.

Seconda Lettura

Rinfrancate i vostri cuori, perché la venuta del Signore è vicina.

Dalla lettera di san Giacomo apostolo
Gc 5,7-10

Siate costanti, fratelli miei, fino alla venuta del Signore. Guardate l’agricoltore: egli aspetta con costanza il prezioso frutto della terra finché abbia ricevuto le prime e le ultime piogge. Siate costanti anche voi, rinfrancate i vostri cuori, perché la venuta del Signore è vicina.

Non lamentatevi, fratelli, gli uni degli altri, per non essere giudicati; ecco, il giudice è alle porte. Fratelli, prendete a modello di sopportazione e di costanza i profeti che hanno parlato nel nome del Signore.

Parola di Dio

Vangelo

Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 11,2-11 

In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».

Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re! Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”.

In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui».

Parola del Signore