don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 13 Marzo 2019 – Lc 11, 29-32

973

“Mentre la gente si affollava intorno a lui, egli cominciò a dire: «Questa generazione è una generazione malvagia; chiede un segno ma nessun segno le sarà dato, tranne il segno di Giona»”.

La durezza che usa Gesù nei confronti della folla che lo circonda da tutte le parti, è una durezza che dovrebbe attraversare duemila anni e giungere fino a noi. Il vangelo ci è sempre contemporaneo. Quella folla è lì, così come tante volte lo siamo anche noi, e dice: “Su! Stupiscici!”. Vorremmo sempre spettacolarizzare la fede, e far diventare la vita spirituale un paesaggio del sensazionale. Ma la fede non è uno spettacolo e la vita spirituale centra davvero molto poco con le sensazioni. Finchè non facciamo pace con questa verità di fondo, allora sentiremo sempre molta durezza da parte di Cristo: “Nel giorno del giudizio la regina del mezzogiorno si alzerà con gli uomini di questa generazione e li condannerà; perché ella venne dagli estremi confini della terra per udire la sapienza di Salomone; ed ecco qui c’è più di Salomone”.

La sapienza che Gesù è venuto a portarci non è quella dei tanti ragionamenti che alla fine ci fanno dire “ho ragione”. La sua è la sapienza dell’evidenza dell’amore. E le cose evidenti vanno accolte, non inventate. Basterebbe guardare davvero con pazienza la vita, il mondo, la direzione che Gesù ci indica domandandoci di amare anche i nemici, per capire che ciò che Egli dice è evidente, anche se ad un primo impatto sembra assurdo. “Nel giorno del giudizio i Niniviti si alzeranno con questa generazione e la condanneranno; perché essi si ravvidero alla predicazione di Giona; ed ecco qui c’è più di Giona”.

Giona ottenne la conversione di Ninive attraversando la città da svogliato e rimanendo persino male per la loro conversione. Noi siamo stati visitati da uno che non solo ha scelto di venire in mezzo a noi, ma ha dato anche la sua vita perché fossimo liberati, eppure a una predicazione così molto spesso non prestiamo ascolto. Vogliamo intrattenimento, ma la fede è un fatto non un circo.

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi trovare tutti i commenti al Vangelo di don Luigi oppure leggere altri commenti al Vangelo del giorno.[/box]

Vangelo del giorno

Lc 11, 29-32
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire:
«Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione.
Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone.
Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.