don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 13 Giugno 2020 – Mt 5, 33-37

434

Un’altra indicazione decisiva ci viene dal Vangelo di oggi. Il modo di parlare di un cristiano non deve avere niente a che fare con la retorica di chi usa le parole per crearsi una verità a proprio comodo, e per fare questo tira in ballo Dio, il cielo, la terra, e mille altre cose. Un cristiano è sempre pervaso da quel rispetto che gli fa smettere di essere ampolloso e falso, per essere invece essenziale e sobrio.

<<Avete anche inteso che fu detto agli antichi: Non spergiurare, ma adempi con il Signore i tuoi giuramenti; ma io vi dico: non giurate affatto: né per il cielo, perché è il trono di Dio; né per la terra, perché è lo sgabello per i suoi piedi; né per Gerusalemme, perché è la città del gran re>>.

Un cristiano si ricorda che persino se stesso non è materia da tirare in ballo in un giuramento, perché in verità non ci siamo dati la vita da soli e tutte le volte che vogliamo darci ciò che conta da soli finiamo spesso in tragedia. La Bibbia è piena di chi, preso da delirio di onnipotenza, si è ritrovato a terra, nella polvere.

<<Non giurare neppure per la tua testa, perché non hai il potere di rendere bianco o nero un solo capello>>. Un cristiano ha la chiara percezione che la sua parola conta solo quando non si lascia sedurre dal maligno che molto spesso ci fa gonfiare i discorsi per mostrarci agli altri per ciò che non siamo; ci fa esagerare le nostre peripezie per suscitare pietà in chi ci ascolta; ci fa arlare per assoluti dimenticando che la realtà è fatta di sfumature.

La cosa migliore è un ‘altra: <<Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno>>, Il miglior esorcismo sull’uso sbagliato della parola è sorridere con noi stessi di tutte quelle volte che ci accorgiamo di usare la parola per manomettere la realtà, l’immagine di noi stessi, o la profondità delle cose che viviamo.

Quando c’é ne accorgiamo sorridiamo, smettiamola subito e usiamo la parola migliore che possiamo usare, cioè il silenzio. In questo senso è sacro.


AUTORE: don Luigi Maria Epicoco
PAGINA FACEBOOK
FONTE: Amen – La Parola che salva

AMEN ti offre in un unico volume giorno per giorno:

  • i testi della Santa Messa e la Liturgia delle Ore: Lodi Mattutine, Vespri e Compieta
  • il commento di Papa Francesco alle letture
  • meditazioni a cura di don Luigi Maria Epicoco e don Claudio Doglio
  • le Preghiere del cristiano, il Rosario, la Coroncina della Divina Misericordia e tante altre preghiere
  • il calendario liturgico

Pratico formato (cm. 11,5 x 14,4): 640 pagine – testo a caratteri grandi, ben leggibile.

ABBONATI A 12 MESI (12 NUMERI) A 34,90€
Prezzo verificato a maggio 2020