don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 9 Marzo 2022

67

- Pubblicità -

L’uomo ha ormai rovinato l’originaria relazione di fiducia con Dio.
Il Signore desidera ricomporre la comunione e, in questo nuovo in principio, risuona questa domanda: “Dove sei?”.
Nella storia di ciascuno questa domanda, se non sfuggita per paura o superficialità, ci strappa alla confusione di certi giorni nebulosi e senza senso, ci fa sentire cercati e per questo, dovendo trovare una risposta, in grado di metterci in ricerca di noi stessi.
Adamo non risponde indicando un luogo ma raccontando il suo stato d’animo e i suoi sentimenti: questo è il primo passo per ogni guarigione.
Nella verità possiamo essere sanati dalle nostre ferite, ma è un cammino che va purificato.
La vergogna per la propria nudità deve poter condurre alla vergogna per non aver creduto all’amore che Dio ha per noi. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentep. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 9 Marzo 2022
Articolo successivoEnzo Bianchi – Commento al Vangelo del 9 Marzo 2022