don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 9 Dicembre 2021

101

Il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui. Buona notizia che ribalta le mie logiche. Troppe volte mi compiaccio di essere il Giovanni Battista della situazione: uomo roccioso con postura diritta; che non si piega davanti a nessuno; lontano dai palazzi dei re; che non conosce le vesti preziose e morbide. Un grande con tante qualità umane ed etiche. Che fa tante cose per gli altri. Ma che non si accorge di essere nell’antico testamento. Nella logica di quelli che ancora pensano di dover far loro delle cose per Dio, per gli altri. Salvare il mondo. Senza lasciarsi graffiare dalla novità del Vangelo. Dove l’infinitamente piccolo, Gesù stesso, chinato ai miei piedi, disarmato, è più grande. Dove l’ultimo povero della terra è più grande. Perché sa vivere di dono. Non di meriti. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentep. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 9 Dicembre 2021
Articolo successivodon Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 9 Dicembre 2021