don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 8 Ottobre 2021

54

“…Chi non è con me, è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde…..

Gesù è molto categorico o siamo con lui o contro di lui. Fa un po’ paura questa frase. Sembra non ci sia spazio per le incertezze, per gli errori, forse neanche per la nostra umanità. Eppure la pazienza di Dio è infinita e la sua misericordia non nega a nessuno l’aiuto e il perdono.

Forse Dio vuole da noi la tensione continua verso la sua Parola, l’impegno costante nel cercare di vivere i suoi insegnamenti. Vuole che le nostre azioni siano radicate nel suo amore e che tutto in noi tenda ad accogliere e vivere la sua volontà per essere luce per i fratelli e per sperimentare anche noi la sua immensa dolcezza.

Tutta la nostra vita va vissuta con gli occhi rivolti in avanti, dobbiamo partire, come fece Abramo, fidandoci solo della sua Parola, come gli apostoli, dobbiamo prendere il largo e buttare le reti e lavorare per il regno, aprendo il nostro cuore al suo amore che ci renderà pronti per donarci ai fratelli e per essere testimoni attivi della storia. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 8 Ottobre 2021
Articolo successivoSebastián Puyal – Commento al Vangelo del 8 Ottobre 2021