don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 8 Dicembre 2021

77

Fra le mura della casa di Nazareth, profumate di semplicità e di ferialità, una visita a sorpresa sconvolge l’ordinario svolgere del tempo. Il messaggero della corte celeste reca al cuore di una vergine un annuncio sconvolgente: il Padre ti ha guardata con predilezione, ti ha colmata di ogni grazia e di ogni virtù. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo. Lo Spirito Santo scenderà su di te….vedi anche Elisabetta tua parente….. Un saluto, una chiamata, un segno. Una missione che trascende ogni desiderio, un dono che sorprende e colma di gratitudine. Eccomi sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto. La giovane donna, si consegna senza condizioni a una promessa; l’azzurro del cielo si riversa interamente in quel grembo palpitante e accogliente. Per l’intera umanità sorge un’aurora di speranza. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedenteSr. Nella Letizia Castrucci – Commento al Vangelo di oggi – 8 Dicembre 2021
Articolo successivoFamiglia, Sogno di Dio – Il messaggio dell’Immacolata per la coppia