don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2022

70

- Pubblicità -

“Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono”….
L’alleanza di Dio con Abramo è un patto che riguarda tutta la sua discendenza, un popolo numeroso come le stelle del cielo; anzi, non un solo popolo, ma una moltitudine di popoli, tutti i credenti di tutte le nazioni e i luoghi della terra nei secoli.
Non c’è nessun automatismo, però: non si è figli di Abramo solo per nascita o per diritto ereditario o a causa dei propri antenati illustri.
Ogni uomo che nasce è chiamato prima o poi a confrontarsi personalmente con il figlio dell’uomo, a riconoscere i suoi tratti e a gioire di una salvezza che è sempre e solo ricevuta dall’alto.
Non basta affermare: “Io sono credente”.
Si diventa credenti ogni giorno nell’osservare la parola dell’alleanza che il Signore Dio sta stipulando con me.
Con ciascun uomo Dio sigla un patto d’amore. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedenteVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 7 Aprile 2022
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2022