don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 6 Ottobre 2021

60

“…Quando pregate, dite: Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno; dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano…”
Immaginiamo la scena: Gesù sta pregando da solo. A un certo punto torna in mezzo al gruppo vivace dei suoi discepoli. Il suo volto è stato trasfigurato dalla preghiera: esprime la felicità dell’incontro con il Padre.

Uno dei discepoli allora gli chiede di poter partecipare a quell’incontro così bello. “Insegnaci a pregare”.
Non sono parole da recitare come una filastrocca. E’ entrare in un dialogo profondo con Dio. A quel punto ti accorgi che tu non sei nulla e lui è tutto.

Come un bimbo non puoi che balbettare “papà” e lasciarti andare nelle sue mani grandi e forti.
Desideri che tutti conoscano il suo amore e che regni ovunque la sua volontà di pace.
Confidi che lui ti darà da mangiare ogni giorno. Gli chiedi aiuto nella prova e perdono per tutte le volte che ti allontani da lui e dai tuoi fratelli.
Questa è la preghiera che cambia il cuore, trasfigura il volto e trasforma il mondo. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 6 Ottobre 2021
Articolo successivodon Gabriele Nanni – Commento al Vangelo del 6 Ottobre 2021