don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 6 Aprile 2022

65

- Pubblicità -

Quei giudei che avevano creduto a Gesù vengono messi con le spalle al muro….e noi con loro!
Non basta credere, è necessario rimanere nella parola, cioè farne la propria abitazione, l’abito che ci riveste di Cristo.
Così si diventa veri discepoli e si va incontro alla verità per conoscerla ed essere liberi.
Quei giudei, e noi con loro, devono liberarsi dalla presunzione che basti essere discendenti di un giusto per essere giusti.
Bisogna fare le opere del giusto, in questo caso di Abramo che credette a Dio contro ogni speranza e logica umana.
Conoscere la verità non significa scoprire il tutto di Dio, cosa a noi impossibile, ma procedere a una via di verità nei nostri rapporti con Dio, con gli altri e con noi stessi.
La via della verità non è semplice, ma sicuramente luminosa, pacificante. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 6 Aprile 2022
Articolo successivoPadre Giuseppe Cavallini – Commento al Vangelo del 6 Aprile 2022