don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 5 Ottobre 2021

72

….«Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta». La parte migliore scelta da Maria, sorella di Marta, è per tutti! Consiste nel riconoscere il primato alla presenza del Signore. Maria è l’immagine di ogni discepolo, dedito anzitutto all’ascolto della Parola di Gesù.

E’ questa la dimensione essenziale di ogni vera esperienza di fede. A cosa serve il fare e l’affannarsi come Marta? E’ certo giusto e necessario darsi da fare. ma quando questo diventa un modo per affermare se stessi, o trasforma una giusta occupazione in una rincorsa ansiosa di prestazioni che sottraggono tempo ed energia all’ascolto della Parola, a che giova? Gesù in Marta rimprovera tutti i cristiani che s’identificano nel fare, al punto di perdere la capacità di accogliere e di servire. Una mancanza che diventa perfino pretesa di insegnare al Maestro ciò che dovrebbe dire e fare… […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Marco Giordanengo – Commento al Vangelo del 5 Ottobre 2021
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 5 Ottobre 2021