don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 5 Marzo 2022

104

- Pubblicità -

Gesù vide.
Gesù vuole che un pubblicano, Levi, si alzi in tutta la sua persona per riprendere non solo a camminare verso la sua casa ma che si muova nel cuore e ritorni a fare festa.
Gesù cerca l’incontro con l’uomo malato, non teme il peccatore perché ci ha amati prima che ci convertissimo, prima che ci accorgessimo di lui quando ancora eravamo seduti al banco delle imposte del vivere quotidiano mediocre.
Questa è la bella notizia che ci è data: convertirsi è aprirsi alla festa, è avere fiducia che non c’è peccato che non possa essere trasformato se diventa preghiera, non c’è dolore che non possa essere sopportato se diventa preghiera. Allora i nostri occhi torneranno al Signore.[…]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedenteEnzo Bianchi – Commento al Vangelo del 5 Marzo 2022
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 5 Marzo 2022