don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 31 Marzo 2022

63

- Pubblicità -

Voi non volete venire a me per avere vita.
Le scritture che dovrebbero essere fonte di vitaeterna e la prima testimonianza su Gesù, diventano per i giudei un ostacolo alla conoscenza del vero volto del Padre.
Infatti, chi non ha in sé l’amore di Dio non può comprendere veramente le scritture, che annunciano la dinamica di amore che lega il padre al figlio.
Queste parole di Gesù smascherano le resistenze che ci impediscono di accogliere la parola di salvezza: alla base di questa incomprensione sta il male più radicale dell’uomo, che anziché percepirsi figlio nel figlio, cerca la gloria in sé o negli altri, invece che in Dio.

Chiediamoci oggi a chi rivolgiamo il nostro sguardo per avere vita e fondare la nostra identità: se alla parola del vangelo, o alla gloria che viene dal mondo. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentePadre Vincenzo Percassi – Commento al Vangelo del 31 Marzo 2022
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 31 Marzo 2022