don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 31 Gennaio 2022

156

- Pubblicità -

“In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria”
Cristo si mette in cammino, passando in mezzo alle persone che credono di conoscerlo fino in fondo e di averlo in pugno.
Ma il Signore non si lascia chiudere nelle aspettative dei suoi, non si lascia ridurre a un’idea, non si esaurisce nei nostri orizzonti: è sempre più grande, più libero.
Egli ci libera dalle nostre ristrettezze, in cui ci chiudiamo per paura di abbandonarci a lui.
A volte preferiamo l’idea che abbiamo di lui come altissimo ma lontano, piuttosto che un Dio che cammina con noi.
A volte crediamo di essere bravi se stiamo rigidi nei principi e nei principi religiosi. Ma Dio, che ha scelto di abitare in mezzo a noi, passa in mezzo alle nostre pretese, per aprire gli spazi del nostro cuore. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it

 


Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 31 Gennaio 2022
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 31 Gennaio 2022